Diffondi l’eresia, distruggi l’ipocrisia (fonte: militant zone)

La moderna scena black metal non ha le palle. Questo è noto da più di 10 anni ma ora tutto è ancora più chiaro dopo le recenti “cacce alle streghe” contro quelli che vengono chiamati “politicamente scorretti”, che si tratti di incitamento all’odio, revisionismo storico o qualunque altra sorta di eresia.

Essere un eretico significava sempre avere una dignità innata, una libera volontà ed un’onestà intellettuale. Insomma, esattamente tutto ciò che manca alla scena musicale “estrema” moderna. Nonostante la sua arroganza giovanile e i sentimenti finto-ribelli, in realtà vediamo solo ipocrisia cialtronesca e semplice codardia umana.

Queste stesse persone che dicono di non avere “nè dei nè padroni” sono i primi a promuovere la “tolleranza religiosa”, quando si parla di qualunque religione diversa dal cristianesimo (ad esempio Islam o Giudaismo).

Queste stesse persone che parlano di “ribellione contro tutte le autorità” sono i primi a collaborare con le autorità quando arriva il momento di usare mezzi legali e finanziari contro di noi, “gli eretici”.

Essere un eretico è sempre significato essere contro la massa, quindi se la massa inizia a respingerti, puoi essere sicuro di una cosa: stai andando nella giusta direzione.

Continuare questo percorso richiede queste 3 regole da seguire.

1) Non chiedere niente. Fai tutto ciò di cui hai bisogno iniziando da zero. Fonda la tua etichetta, registra la tua musica, organizza i tuoi eventi, ma senza indebitarti mai con i tuoi nemici.

2) Non cercare mai di giustificarti, non dare spiegazioni. “Se accetti la vergogna per evitare la guerra, alla fine le avrai entrambe”, disse Churchill un giorno. Questo è ciò che accade quando le persone pensano di risolvere le cose spiegandosi. Le tue giustificazioni non saranno mai abbastanza convincenti per farti accettare dai tuoi nemici ma saranno abbastanza per farti perdere il rispetto dei tuoi amici.

3) Resta in piedi e vai avanti per la tua strada.

Annunci