Gli antropologi forensi e il concetto di razza: se le razze non esistono, perché gli antropologi forensi sono così bravi a riconoscerle? Norman J. Sauer (parte 3, L’antropologia forense e l’uso della razza)

L’ANTROPOLOGIA FORENSE E L’USO DELLA RAZZA

L’antropologia forense, l’applicazione delle tecniche di analisi dello scheletro umano ai problemi di applicazione della legge, è un giovane ma crescente settore di ricerca e di antropologia applicata.

La sezione di antropologia fisica della American Academy of Forensic Sciences attualmente elenca circa 50 membri attivi negli Stati Uniti e in Canada, Europa e Asia. Ogni anno centinaia di casi si verificano solo negli Stati Uniti, dove gli antropologi sono chiamati a fornire consulenza alle agenzie di polizia, ai medici legali e agli avvocati, e molti di noi testimoniano nei tribunali regolarmente. I casi riguardanti l’antropologia forense spesso ricevono una grande attenzione da parte dei media, rendendola una delle sotto-discipline più conosciute. Agli antropologi forensi vengono regolarmente affidati materiali che vanno dal frammento di ossa, le specie le quali un esaminatore medico o un medico legale non sono riusciti ad identificare, agli scheletri umani per intero, in vari stati di decomposizione.

Se il materiale umano è considerato recente (cioè morto negli ultimi 10-20 anni), l’obiettivo è di solito l’identificazione della persona. L’identificazione è un processo composto di due fasi. La prima fase prevede la costruzione di un profilo biologico e la seconda un tentativo di riscontro positivo. Quest’ultima idealmente comporta il confronto di alcuni dati di individualizzazione provenienti da una persona scomparsa con i resti recuperati, come ad esempio resti scheletrici, impronte dentali o raggi-X. Lo scopo della prima fase è quella di generare un elenco di persone scomparse che generalmente corrispondono alla descrizione del campione sconosciuto. Questa fase è necessaria al fine di creare un campione gestibile restringendo il campo delle possibili vittime i cui registri possono essere ricercati grazie a dati identificativi appropriati.

La costruzione di un profilo biologico comporta abitualmente l’utilizzo di tecniche antropologiche tradizionali e di dati. Le categorie tipicamente interessate sono l’età , il sesso , la statura e la razza . Un tipico rapporto al medico legale potrebbe includere, tra le altre informazioni, le seguenti:

Sesso : Femmina

Età : 18-23 anni

Altezza: 5’2 ” -5’6 ”

Razza : Bianca ( Caucasica )

La valutazione di queste categorie si basa su una copiosa quantità di ricerca sul rapporto tra le caratteristiche biologiche dei viventi e i loro scheletri.

La Collezione Hamman-Todd, ospitata presso il Museo di Cleveland, e la Collezione Terry, ora alla Smithsonian Institution, hanno fornito la maggior parte dei dati. In entrambi i casi si tratta di campioni di cadavere che sono stati raccolti nel primo trimestre del 19° secolo, unici in quanto i dati disponibili per la maggior parte dei campioni includono l’età, il sesso, l’altezza e il peso, la razza e la causa della morte. Tali dati hanno consentito a Trotter e Gleser, per esempio, di derivare le formule per la stima della statura a partire dalle ossa lunghe, e a numerosi autori di sviluppare e testare metodi di valutazione dell’età e del sesso. Molti degli studi che hanno posto le basi per l’identificazione razziale a partire dai resti scheletrici negli Stati Uniti si sono basati sia sulla Collezione Hamman-Todd che su quella di Terry. Nel 1962, Giles e Elliot hanno pubblicato un nuovo metodo per la determinazione della razza. Hanno fatto uso della collezione Terry per ottenere crani di ‘neri’ e ‘bianchi’ e dell’indiano Knoll, in Kentucky, come campione per gli indiani d’America. La loro tecnica consiste nel manipolare otto misurazioni del cranio con una formula a funzione discriminante che produce un singolo valore quantitativo.

Il processo richiede due test dicotomici, uno per distinguere tra bianchi e neri e un altro per gli indiani d’America e i bianchi. In entrambi i test, la razza è indicata dal punteggio di un campione che può rientrare al di sopra o al di sotto di un indicatore di riferimento predefinito. Recentemente Jantz e Moore-Jansen hanno pubblicato una serie di misure perfezionate e funzioni basate a partire dal Data Base della University of Tennessee Forensic Anthropology.

Howells contribuì con un test a più variabili alternative più preciso di quello di Giles e Elliot e Jantz e Moore-Jansen, ma molto più difficile da applicare. Esso richiede una ventina di misure di lunghezza e sei angoli e quattro tipi speciali di compasso. A seguito di Giles e Elliot e Howells, Gill, ha recentemente proposto diverse misure mediofacciali che distinguono tra ‘bianchi’ e ‘indiani d’America’. Un certo numero di altri autori, hanno fornito dati e formule per la determinazione razziale dallo scheletro postcraniale. Simili ai metodi che si applicano al cranio, tutti questi implicano l’inserimento di una serie di misure in un algoritmo e basano i risultati della identificazione razziale su un valore relativo derivato da un certo punto di sezionamento determinato in precedenza. Testi di antropologia forense descrivono anche metodi non metrici e antroposcopici di determinazione della razza. Secondo Krogman e Iscan, ad esempio, il negroide più tipico ha rilievi sovraorbitari ondulati, margini orbitali superiori evidenti, una regione glabellare arrotondata, una giunzione frontonasale piana, e un’ampia distanza interorbitale . . . I crani dei “bianchi” hanno arcate sopracciliari piatte e leggermente sporgenti, margini orbitali superiori smussati, una regione glabellare depressa, una ‘sporgenza’ della giunzione frontonasale e una stretta distanza interorbitale. Anche osservazioni dentali hanno ricevuto l’attenzione, in particolare la somiglianza degli incisivi a forma di pala tra asiatici e nativi americani del Nord. Che livello di precisione hanno le stime che derivano da questi metodi? Secondo il testo recente di Krogman e Iscan, la razza dovrebbe essere determinabile a partire dalla morfologia del cranio nell’85 a 90% dei casi.

Nel 1979, Snow et al., hanno riferito che le razze dell’83% di un campione di crani bianchi e neri conosciuti sono stati valutati con precisione con la tecnica Giles e Elliot, ma che il metodo ha funzionato male (corretti 1 su 7) per i resti degli indiani d’America. Che la razza sia determinabile dal cranio e dal postcranium viene dato per scontato tra gli antropologi forensi. Se tale determinazione non è possibile, il problema è di solito attribuito alla natura incompleta dei resti o dall’origine mista di quest’ultimi.