Sul Metal e sulla Politica

1. “Il metal non ha nulla a che spartire con la politica”, è il ritornello che viene scandito ad libitum ogni volta che questo burrascoso binomio diventa oggetto di discussione. Ma alla prova dei fatti si tratta di una posizione antistorica ed illusoria; la musica, in tutte le sue declinazioni, è sempre stata un mezzo attraverso cui divulgare idee, creare consenso, sensibilizzare le genti o aizzare le folle, svolgendo di fatto un ruolo politico anche senza l’ingombrante ombra di un vessillo ideologico. Un discorso valido anche per il metal, ovviamente non in tutte le sue forme, nonostante la ritrosia di chi vorrebbe continuare a considerarlo una sorta di idilliaca Arcadia dalla quale sono banditi gli orrori di un mondo in disfacimento.

(COME LUPI TRA LE PECORE: Storia e ideologia del black metal nazionalsocialista, pag. 21, cap. “Ideologia in Musica”.)

Annunci

I FRAMMENTI PIÙ INTERESSANTI DELLE INTERVISTE DI ROB DARKEN (GRAVELAND).

In allegato al link sottostante i frammenti più interessanti delle interviste di Rob Darken (Graveland).

Frammenti più interessanti delle interviste di Rob Darken – Graveland